Repubblica.it – Incisioni rupestri rinvenute in una grotta nei pressi di Gibilterra sarebbero state prodotte con la tecnologia tipica dell’ominide che visse in Europa prima del Sapiens. Smentendo definitivamente l’ipotesi sulla sua inferiorità intellettivo-cognitiva

L'arte astratta? L'ha inventata il Neanderthal Le incisioni nella Gorham’s Cave (Stewart Finlayson)

L’arte astratta… E’ più antica del previsto, molto più di Picasso o Kandinsky, ma anche precedente alle incisioni rupestri dei nostri antenati, almeno dei nostri progenitori diretti. Risale, a quanto pare, all’uomo di Neanderthal. All’interno di una grotta a Gorham, Gibilterra, è stata infatti ritrovata e studiata un’incisione su una roccia, che si può definire la madre dell’astrattismo. Il ritrovamento, e le conseguenti deduzioni, pubblicate sulla rivista dell’Accademia delle Scienze Americana, Proceedings of the National Academy of Sciences, sono opera di un gruppo di ricerca europeo guidato da Joaquin Rodriguez-Vidal dell’Università spagnola di Huelva.

Le incisioni nella Gorham’s Cave (Stewart Finlayson) [Read more →]

settembre 4, 2014   No Comments

Cosa può fare una penna con una punta extrafine da 0,25 mm?
L’agenzia Grey di Barcellona si è posta questa domanda ed ha avuto una idea geniale, usare la Pilot Extrafine per tatuare i Lego. Diretti da José Miguel Tortajada ed Oscar Amodia gli illustratori Diogo Dutra e Malen Feliz hanno realizzato questa campagna che ha dell’incredibile, tatooo realizzati con cura maniacale e con dettagli straordinari riprodotti sopra quei corpicini gialli a noi tanto cari. [Read more →]

agosto 26, 2014   No Comments

L’artLab L.U.de.S. è lieta di offrire gratuitamente lo scaricamento del libro del Dott. Leandro Abeille, Sociologo, Dottorando in Criminologia,  ”Il Graffitismo: tra arte e legalità” –  http://www.uniludes.ch/it/artlab-ludes-presenta

L’Arte di Strada in tutte le sue forme variegate è entrata di prepotenza nelle vite (e sui muri) di ognuno di noi.

Una forma di comunicazione sociale impattante, globale e aggregativa. Un movimento orizzontale planetario che grazie alle immagini virali e ai social network, crea e diffonde messaggi di denuncia, colorando tutto ciò che è ritenuto “grigio” e abbandonato.

Facciate cieche, bidonvilles, detriti di ogni tipo, carcasse di navi, automobili, cassette postali arrugginite, si trasformano in spazi da recuperare con le idee. Ogni angolo buio può avere una seconda chance, un vestito migliore. L’altra faccia della medaglia però, è il vandalismo di tutti quelli che, senza avere la minima dote artistica, riempiono di scritte le nostre città.

Arte o Vandalismo? Non è solo la domanda alla base del pampleth di Leandro Abeille ma anche uno spartiacque che dovrebbe indirizzare le politiche sociali delle amministrazioni cittadine. Scoprire dove inizia l’arte e garantire ad essa un impulso e dove, invece, ci sia vandalismo, cercando di porre un freno, è un tema d’interesse collettivo per i professionisti della comunicazione, gli addetti del mondo dell’Arte e le Istituzioni. In Italia, solo da pochi anni si studia attentamente il fenomeno cercando di incanalarlo in un percorso di opportunità. E’ un inizio promettente ma che deve trovare ancora una gestione condivisa. [Read more →]

dicembre 17, 2013   No Comments

Sabato 23 novembre alle ore 18,30 presso VISIVA, Magmart | video under volcano inaugura il progetto 100×100=900 (100 videoartists to tell a century), per celebrare i 50 anni della videoarte, convenzionalmente ricorrenti nel 2013 e calcolati dalla data in cui Nam June Paik realizzò la sua prima video installazione in Germania.

L’idea base del progetto è che per evolvere bisogna comprendere cosa del passato va archiviato definitivamente. In questo senso, chiamare 100 videoartisti ad interpretare ciascuno un anno del secolo scorso, oltre a costituire una vera e propria narrazione complessiva del ‘900, rappresenta un tentativo di elaborazione del passato, non a caso affidato ad artisti, e non a caso videoartisti – in quanto l’immagine in movimento (cinema, televisione, web) è uno degli elementi caratterizzanti del ‘900.
[Read more →]

novembre 19, 2013   No Comments

La mostra presenta lo straordinario lavoro di Lee Jeffries, fotografo quarantunenne di Manchester. In esposizione cinquanta scatti in bianco e nero, senza didascalie o date, come senza tempo è la sofferenza rivelata dai volti fotografati, il disagio diventato stile di vita. Immagini che Jeffries ha colto vagando per le vie di Londra, Parigi, Roma, New York, Miami, Los Angeles o Las Vegas, spesso ritraendo persone che quelle stesse strade hanno come dimora. [Read more →]

ottobre 17, 2013   No Comments

anna maganiniwww.swide.com - Street artist Biodpi welcomes you to delve into ‘I am Anna Magnani’, a tribute to mark the 40th Anniversary of the Italian actress. Showing in her much loved city of Rome, this exhibition is open for four-days, at Casa del Cinema from 26-29 September. The exhibition was previously at the Lanificio di Roma.

Born in Rome, March 7 1908, Anna Magnani’s career and life was one dashed with highs and lows. From winning the Academy Award for Best Actress in 1955’s film ‘The Rose Tattoo’ to the coming to terms with the fact that her child Luca as crippled by polio, these highs and lows and the emotional relationships that Anna Magnani embarked upon were what fuelled the passionate, fiery and, often, explosive actress that she became loved for. [Read more →]

settembre 30, 2013   No Comments

New York è la città che più al mondo ama l’arte contemporanea, sia essa esposta in ricche gallerie o sia all’aperto, lungo marciapiedi vissuti; la street art è esplosa qui con Jean-Michel Basquiat e in questa metropoli continua a prosperare. A chi sta preparando la valigia per la “grande mela” consigliamo caldamente di dedicare qualche giorno alla visita di questo museo a prezzo zero. Ecco una piccola sintesi di quel che vale assolutamente la pena di vedere.

Le fabbriche e i palazzi abbandonati
5Pointz (Jackson Avenue, angolo con Davis Street) è un grandissimo spazio a Long Island City, che viene considerato la Mecca dei graffitari: qui hanno lavorato persone da tutto il mondo, compresi leggendari writers. [Read more →]

settembre 30, 2013   No Comments

A 40 anni dalla scomparsa di Anna Magnani, Roma dedica una serata all’attrice presso la Casa del Cinema di Villa Borghese, con una mostra, un documentario e tante testimonianze.

ROMA – Per ”Nannarella”, come la chiamavano tutti, premio Oscar nel 1955 con la Rosa tatuata, il 26 settembre prossimo alle ore 19 presso la Casa del Cinema, il sindaco di Roma Ignazio Marino e l’Assessore alla Cultura Flavia Barca inaugureranno la mostra “I am Anna Magnani” dello street artist campano Biodpi, al secolo Fabio Della Ratta. [Read more →]

settembre 23, 2013   No Comments